LA MONTAGNA PIÙ ALTA

Il secondo album, il secondo film, il secondo libro e, perché no, la seconda edizione di un festival, rappresentano il punto di massima pressione per chi, mettendosi in gioco, cerca di instaurare un dialogo col pubblico. Che si tratti di cantanti, registi o di organizzatori, la vetta più alta non è mai quella che ci si lascia alle spalle ma la montagna che si erge davanti ai loro occhi.

Nel 2015 Presente Italiano ha compiuto la prima scalata, dopo quasi due anni di preparazione necessari affinché l’idea nascesse, maturasse, si ramificasse e desse i primi frutti. Il primo passo lo ha fatto sulle spalle di un gigante del cinema italiano, Franco Maresco, che gli ha dato la sua personalissima e cinica benedizione al termine di un incontro unico ed emozionante. Nel percorrere il sentiero turbolento che portava alla vetta abbiamo incontrato persone che, prima di essere ospiti o sostenitori sono stati compagni di viaggio. Al termine della scalata, stremati, ci siamo concessi un meritato riposo.

Ma ora la montagna più alta è lì davanti a noi e si chiama Edizione 2 (ovvero E2 per gli appassionati di alpinismo). Oltre si intravede il 2017, anno in cui Pistoia sarà capitale italiana della cultura. Per questo il 2016 sarà un anno fondamentale per Presente Italiano. Mentre stiamo componendo una seconda edizione di qualità, assieme a chi ha creduto nel progetto, più lunga di un giorno e con una maggiore attenzione nei confronti delle nuove proposte, con l’occhio sbirciamo le prospettive per il prossimo anno.

La scalata è lunga e sarebbe impensabile completarla da soli. Il cinema italiano ha bisogno di un pubblico che lo riconosca non come un’anomalia ma come un interlocutore attraverso cui capire il nostro tempo. Prendeteci per mano, fidatevi della nostra passione, completate con noi questa avventura.

Vi aspettiamo a ottobre!

Michele Galardini

 

Più il cinema cresce, interagisce con nuovi media e occupa nuovi spazi, più diventa necessario approfondire il linguaggio delle immagini attraverso gli autori che, ancora oggi, riescono a distinguersi nel panorama mondiale.

Per non rimanere intrappolati dentro una visione ‘media’, impalpabile, e quindi per sopravvivere ad un certo tipo di cinema, il corso traccerà un sentiero lungo le opere dei grandi registi come Werner Herzog, David Lynch, i fratelli Coen, David Cronenberg e Xavier Dolan.

Leggere le immagini significa, in fondo, leggere i mutamenti del mondo che ci circonda. Per questo il corso, articolato in 6 incontri di 90 minuti ciascuno, non verterà esclusivamente sul cinema ma su tutti i media che, nella contemporaneità, veicolano messaggi attraverso le immagini: televisione, videoclip, pubblicità etc.

 

Gli incontri

giovedì 12 marzo 2015 dalle 21.00 alle 22.30
COME SOPRAVVIVERE AL CINEMA E NEL CINEMA
Tattiche di sopravvivenza per una visione responsabile.

giovedì 19 marzo 2015 dalle 21.00 alle 22.30
PUNTI DI RIFERIMENTO ED ECCENTRICITA’ / 1
Lynch, Dolan, Ceylan, sono alcuni dei protagonisti della storia del cinema dei giorni nostri che ancora continuano a lavorare sul linguaggio delle immagini.

giovedì 26 marzo 2015 dalle 21.00 alle 22.30
PUNTI DI RIFERIMENTO ED ECCENTRICITA’ / 2

giovedì 02 aprile 2015 dalle 21.00 alle 22.30
I SIMPSON OVVERO COME IL CINEMA SOPRAVVIVE A SE STESSO
La serie tv I Simpson è l’esempio perfetto di come il cinema si sia radicato dentro media diversi, condizionandone la messa in scena e la struttura drammatica, oltre ad essere presente sotto forma di citazione.

giovedì 09 aprile 2015 dalle 21.00 alle 22.30
L’IMMAGINE MA NON SOLO / LA MUSICA NEI FILM
Dall’ avvento del sonoro il cinema ha consolidato un linguaggio fino a quel momento troppo ancorato ai media che lo avevano preceduto (in particolare fotografia e teatro). Con la musica, l’immagine cinematografica può comporre significati e suggestioni sempre più complesse.

giovedì 16 aprile 2015 dalle 21.00 alle 22.30
OLTRE LO SCHERMO / IL CINEMA FUORI DALLA SALA
La sala non è più l’unico luogo di proiezione del film. Con l’evolversi delle nuove tecnologie si aprono scenari sempre più imprevedibili che portano il cinema fuori dal suo luogo di elezione.

 

Dove

Pistoia, via Panciatichi n.11

Docente

Michele Galardini

Costo

€ 35,00*

La prima serata è a ingresso libero e non comporta l’obbligo di iscrizione.

*Prezzo riservato agli studenti €. 20,00.

Il corso sarà attivato al raggiungimento minimo di 10 partecipanti e potrà essere riproposto più volte sulla base delle richieste degli iscritti.

La quota annua di iscrizione valida per tutte le attività dell’ associazione è di €. 10,00.